Sant’Apollinare

Il piccolo tempio di Sant’Apollinare è ubicato nell’antico rione Grotte, probabilmente il primo nucleo insediativo della città.

La chiesa, anticamente costituita da una cappella scavata nella roccia, in parte ancora esistente, è stata ‘ricostruita’ con un diverso orientamento nel 1910 dall’asceta Antonio Ricucci, alias Infernale, mediante una pubblica sottoscrizione (riferisce il Tancredi che l’antichissima abside, esposta a Levante, si trovava dove oggi è collocato l’ingresso).

I commenti sono chiusi.